Rubrica: Società in movimento. Andamento alterno

di Vittoria Di Fabio.

L’espressione ‘spending review’ oltre a suonare  distante a causa del ricorso alla lingua inglese ma ancor più perché appare nel tempo presentata come un’importante momento della politica in evoluzione e poi, impercettibilmente scompare lasciando un sapore di dubbio e sconcerto.

Sostanzialmente si tratta della revisione della spesa pubblica  per capire se è possibile individuare diverse metodologie  per  migliori possibilità di gestione. In situazione di difficoltà non è sempre stato possibile procedere ad analisi profonde per cui si è deciso di ridurre i servizi  ai cittadini o si è concepito di intervenire sugli introiti dei dipendenti pubblici.

Si pensa di poter ridurre la spesa pubblica insistendo sulla  possibilità di incentivare le fusioni dei numerosi comuni italiani e/o si propone di mandare a casa un numero cospicuo di dipendenti pubblici, si sottolinea anche che invece di risparmiare sembra che le spese aumentino.

Sostanzialmente  la spending review che deve aver luogo in Italia è un tentativo serio di razionalizzazione della spesa pubblica ed  un processo complesso che mira a migliorare l’efficacia della spesa pubblica.

Speriamo di poterne seguire i progressi  stabilmente e di non perderla di vista.

No announcement available or all announcement expired.