POESIE. Sempre lucidi, nell’onestà di Giuseppe Tramontana.

TRADIMENTU

Cu vui fu chiù di mari lu miu cori

Chi du’ anni vi tinni e tanti simani

mentri vui. Ganazzi vili traditori,

 tinistivu pinzeri caini e marrani

Comu quagghiò lu feli in palori

E in atti vili, infami e viddani

Di giustu sdegnu chinu, vi jttai fori:

“Via, siati pasto d’auceddi e cani!”

Trad.

Con voi fu più che mare il mio cuore,

che due anni vi custodì e tante settimane,

mentre voi come Gani (di Magonza) traditori

teneste pensieri caini e marrani (nascosti).

Appena si raggrumò il fiele in parole

E in azioni vili, infami e villane

Di giusto sdegno pieno, vi cacciai fuori:

“Via, siate pasto di uccelli e cani!”

(7.6.16)

 

PAISI

Paisi dopu Lintini, a fini Chiana,

Assisu supra fardi di cullina

Rassegnatu, lagnusia lu sbrana,

ignavu, marcisci ni la ruvina;

carusanza scecca, losca, viddana;

Ruffiani comu gramigna, licchìni,

ca comu donna prena la mammana

cercanu sulu padruni e padrini.

Trad.

Paese (che sorge) dopo Lentini, a fine Piana (di Catania),

Seduto su falde di collina

Rassegnato, l’apatia lo sbrana

ignavo, marcisce nella rovina:

gioventù asinina, losca, villana

(Spuntano) ruffiani come gramigna, lecchini

che, come una donna incinta la levatrice

cercano solo padroni e padrini.

(12.6.16)

 

ORA CHE NON CI SIETE

Ora ca nun ci siti è mancamentu

Di vuci, culuri e  pinzeri alati

E qualimenti dicu ca è turmentu

Comu àrvuli arsi, frutti sdisiccati.

Spigàti, crisciti comu frumentu

Ca ju aspettu fermu tutta la ‘stati

Ma talìannu ora lu firmamentu

Assenti vui, nenti cieli stiddati.

Trad.

Ora che non ci siete, è mancanza

Di voci, colori e pensieri alati

E dico che è un tormento

Come alberi arsi, frutti seccati.

Sbocciate, crescete come frumento

Io vi aspetto paziente tutta l’estate

Ma guardando ora il firmamento

Assenti voi, niente cieli stellati.

(10.6.16)

 

L’ABITUDINE

L’omu a lu munnu ppi so’ abìtu

È di milli pinzeri assicutatu

Anzi si cridi essiri inquietu

Pirchì sulu a duluri distinatu;

megghiu lu pocu e stari quietu,

ca l’assai aviri a malu partitu

ca a lu munnu, ppi campari letu,

megghiu sulu ca mali accumpagnatu

Trad.

L’uomo al mondo per sua abitudine

È di mille pensieri inseguito

Anzi si crede essere inquieto

Poiché solo a dolori è destinato;

meglio è aver poco e stare in quiete,

che vare il tanto in cattivo stato,

tanto che al mondo, per vivere lieto,

è meglio esser solo che male accompagnato.

(9.6.16)

 

FA BENE

Fa beni e scordalu, lu mali ricorda

ignora l’odio, ma ama cu t’ama

nun ligari l’amuri cu stritta corda

né tagghiari giustizia cu la  lama.

Nessun  rimorsu poi pi cu ti scorda

‘nu battutu di cigghia dura la fama.

E giustu si dissi di testa balorda:

si idda nun parra, cuccuza si chiama.

Trad.

Fa’ bene e dimenticalo, il male ricorda

Ignora l’odio, ama chi ti ama

Non legare l’amore con stratta corda

Né amministrare giustizia con la lama.

Nessun rimorso per chi ti scorda

Un battito di ciglia dura la fama

E giustamente si disse di testa balorda:

se essa non parla, zucca si chiama

(9.6.16)

 

DI PULITICI CORROTTI

Pulitici mafiusi e dilinquenti

susteni ca ti arrobbunu ‘u futuru

Ma poi  voti senza  annacamenti

Cu  ti vòrrica darreri a un muru.

Nun fidarti d’amici o di parenti

Ca pp’amuri ti fannu lu spirgiuru

Perciò cunserba lucida la menti

Nun farti guidare da orbi ‘o scuru.

Trad.

Politici mafiosi e delinquenti

sostrieni che ti rubano il futuro

Ma poi voti senza tentennamenti

Chi ti seppellisce dietro un muro.

Non fidarti  di amici o di parenti

Che per amore ti raccontano bugie

Perciò conserva  lucida la mente

Non farti guidare da ciechi al buio.

(11.6.16)