Più delitti e meno pene

di Marco Travaglio.

La ministra Cancellieri scopre un nuovo reato: l’omicidio stradale. Peccato che esista già. Almeno sulla carta. Perché grazie allo svuotacarceri e all’indulto le probabilità di scontare una condanna in galera sono minime.

Tra gli appelli del capo dello Stato per l’amnistia e l’indulto e la legge “svuotacarceri”della ministra Cancellieri, avevamo salutato il 2013 convinti che il problema della giustizia fossero i troppi detenuti o i troppi reati puniti con la galera. Ma anno nuovo, vita nuova: il 2014 è iniziato con un annuncio sensazionale della stessa Guardasigilli, in lieve controtendenza con i precedenti: il governo s’è inventato un nuovo reato, l’“omicidio stradale”, per assicurarsi che i colpevoli finiscano in prigione, fino a ipotizzare la custodia cautelare obbligatoria. Immediata e comprensibile l’esultanza dei parenti delle vittime, che giustamente invocano pene più severe e soprattutto più certe per i pirati della strada che falciano passanti inermi facendola sostanzialmente franca, con pene perlopiù virtuali.

Questo però non è l’effetto di un codice penale troppo tenero con i killer a quattro ruote, bensì di un sistema di sconti, benefici e indulgenze plenarie che annulla qualunque sanzione. L’“omicidio stradale”, sulla carta, esiste già: si chiama omicidio colposo pluriaggravato (dall’uso di alcolici o stupefacenti) e – quando il conducente è conscio del rischio che la sua condotta comporta per la collettività – diventa omicidio volontario con “dolo eventuale”, punibile fino a 20 anni o più (è il caso dei dirigenti di multinazionali come la Thyssenkrupp e l’Eternit, condannati a Torino proprio per l’ipotesi più grave). Dunque, con buona pace della demagogia ministeriale che sfrutta il dolore delle vittime per un po’ di pubblicità a buon mercato, la nuova legge non serve a nulla. O meglio: serve al governo degli annunci-spot, non alle vittime. Queste avrebbero bisogno di ben altre riforme, che vadano nella direzione opposta a quella sempre seguita da questa classe politica schizofrenica e senza vergogna.Il governo, con la svuotacarceri, ha appena alzato da 3 a 4 anni le pene totali o residue scontabili ai servizi sociali anziché in carcere; e, con l’indulto, vorrebbe abbuonare 3 anni ai condannati presenti e futuri. Facciamo un po’ di conti. Poniamo che, per il “nuovo” reato, un pirata della strada ubriaco o tossico che ha ammazzato un bambino venga condannato a una pena molto vicina al massimo: 7 anni. Con l’indulto scende a 4 e non sconta nemmeno un giorno in gattabuia: rimane libero, con qualche visita all’assistente sociale chiamato a verificare il suo reinserimento nella società. Vogliamo fare 8 anni? Bene, anzi male: con l’indulto scende subito a 5. Così entra in cella per scontarne uno, in attesa di uscire per gli ultimi 4. Ma uno si fa per dire, perchè scatta un’altra genialata della svuotacarceri: il bonus della “liberazione anticipata” per i detenuti che non fanno troppo casino. Prima era di 3 mesi ogni 12, ora è salito a 5. Di fatto ogni condanna a un anno diventa di 7 mesi. Dunque il nostro eroe condannato a 8 anni, resta dentro 7 mesi. Per farsi qualche anno di galera dovrà imbracciare un kalashnikov e compiere una strage. O trafficare in droga, ma in grandi quantità.C’è però un rischio residuo: la custodia cautelare (almeno per chi non ha il numero di cellulare della ministra). Quella che, per i pirati della strada, il governo vorrebbe rendere addirittura obbligatoria (nel qual caso la Consulta la dichiarerà incostituzionale: non è obbligatoria neppure per l’omicidio volontario). Ora però un’apposita commissione del ministero della Giustizia sta pensando a scongiurare anche quel pericolo, limitando le manette preventive ai recidivi ed esentandone gli incensurati (non solo i cittadini al primo reato, ma anche i criminali incalliti presi per la prima volta); e affidandola a un collegio di tre gip al posto di uno, tanto per rallentare altro po’ i tempi della giustizia. Come se, per valutare le misure cautelari, non bastassero gli attuali 10 giudici (un pm, un gip, 3 giudici di Riesame e 5 di Cassazione).

A questo punto i parenti delle vittime delle strada potrebbero domandarsi: che senso ha alzare le pene con una mano e vanificarle con l’altra? E rispondersi: ma allora il governo ci sta prendendo in giro. Risposta esatta.