La confessione di mister Expo «Appalti in cambio di protezioni»

di Paolo Biondani.

Prime ammissioni di Paris, il manager chiave dell’inchiesta: «E’ vero, ho favorito Frigerio e Greganti, perché ero isolato e mi servivano appoggi politici per la carriera. Ho sbagliato, ora mi dimetto». Mercoledì due interrogatori paralleli per l’industriale Maltauro e il politico Udc Cattozzo.

 Prima svolta nell’inchiesta sugli appalti dell’Expo. Angelo Paris, il direttore tecnico arrestato per associazione per delinquere, ha confessato già nel primo interrogatorio i fatti fondamentali che gli vengono contestati dai pm milanesi: ha ammesso di aver fornito informazioni riservate sugli appalti dell’Expo alla cosiddetta “cupola” politica guidata dall’ex democristiano poi berlusconiano Gianstefano Frigerio e dall’ex comunista poi democratico Primo Greganti, entrambi ora in carcere. Paris ha anche confermato di aver chiesto, in cambio, l’appoggio dei due faccendieri politici per la sua futura carriera di manager pubblico, candidato in particolare a guidare la società regionale Infrastrutture Lombarde dopo il duplice arresto dell’ex numero uno ciellino Antonio Rognoni.
In questo primo interrogatorio, molto sofferto, Paris ha ammesso di aver fatto questi «errori» e di volersene assumere la «responsabilità» presentando subito le dimissioni. L’ex manager, inoltre, ha cominciato anche a spiegare a grandi linee le ragioni che lo avevano spinto a mettersi a disposizione dei faccendieri della “cupola degli appalti”: Paris ha detto che si sentiva sempre più «isolato» nella struttura dell’Expo e di aver concluso che proprio personaggi come Frigerio e Greganti potevano garantirgli quelle «protezioni politiche» che gli sembravano necessarie.Dopo queste prime ammissioni, Paris verrà nuovamente interrogato lunedì prossimo, questa volta dai magistrati dell’accusa, per chiarire e approfondire tutti i fatti e spiegare meglio i motivi per cui un tecnico dell’Expo possa pensare di dover chiedere «protezione politica» a due noti pregiudicati per corruzione, concussione e finanziamenti illeciti come Frigerio e Greganti, entrambi condannati con sentenza definitiva come tesorieri delle mazzette nella storica Tangentopoli esplosa nel 1992-1994.Le ammissioni di Paris, che occupava il ruolo chiave di responsabile del settore costruzioni e dell’ufficio contratti, rappresentano un’importante conferma della solidità dell’inchiesta coordinata dai pm Ilda Boccassini, Claudio Gittardi e Antonio D’Alessio. Una svolta, arrivata già nel primo interrogatorio di garanzia davanti al gip Fabio Antezza, che contraddice i dubbi sollevati invece dal procuratore aggiunto Alfredo Robledo, che nel suo durissimo scontro con il procuratore capo Edmondo Bruti Liberati aveva segnalato al Csm di non aver condiviso né firmato proprio le accuse rivolte a Paris.

Per mercoledì sono fissati altri due nuovi interrogatori importanti: i pm, divisi in due squadre, sentiranno contemporaneamente Enrico Maltauro, l’industriale vicentino che ha già ammeso le prime tangenti, e Vito Cattozzo, il politico dell’Udc ligure che faceva da tramite tra Frigerio e l’ex parlamentare di Forza Italia Luigi Grillo, curando i rapporti con il centrodestra e con le banche. Gli interrogatori contemporanei serviranno ad impedire ai due arrestati di poter concordare versioni di comodo, mentre i pm potranno contestare subito all’uno le eventuali ammissioni dell’altro, favorendo così dichiarazioni meno reticenti. Maltauro è il re degli appalti che è stato videoregistrato dagli investigatori della Dia mentre concordava e pagava tangenti, fino a consegnare di persona l’ultima bustarella con 15 mila euro pochissimi giorni prima degli arresti.