Gite scolastiche: renderle “obbligatorie” per i docenti non serve

di Mariangela Galatea Vaglio*.

In gita (chiamiamole così per capirci, il nome reale sarebbe “viaggio di istruzione”) succede da sempre un po’ di tutto. E’ inutile far finta di non vedere, o non voler vedere. Gli alunni, anche i più calmi e tranquilli, in gita si trasformano: aspettata tutto l’anno, viene vissuta come una valvola di sfogo, ed in quei due o tre giorni si concentrano  le aspettative di mesi e mesi. Cosa che nel migliore dei casi si risolve in qualche simpatica ragazzata; nel peggiore, e la cronaca degli ultimi giorni lo dimostra, può diventare una occasione per atti di bullismo e di nonnismo nei confronti dei più deboli ed indifesi del gruppo,. Azioni cui gli insegnanti faticano a mettere in freno perché, in gita, nessuno, diciamolo sinceramente, è in grado davvero di controllare cosa può succedere.

La visita di istruzione è una importante esperienza didattica: serve a responsabilizzare gli alunni ed a farli crescere. Per alcuni, prima ancora che essere una occasione di visitare posti che non hanno mai visto, è più che altro la prima esperienza che consente loro di farlo “da soli”: senza i genitori a risolvere problemi e a coccolarli, in un gruppo di pari dove devono imparare ad affrontare le prima piccole pratiche difficoltà della vita. Un momento formativo ancora prima che culturale, necessario, anche se sembra difficile da credere, per una generazione di ragazzi che a 10 anni in molti casi ha visto già gran parte del mondo. Ma lo ha fatto in famiglia ed in maniera iperprotetta, e così alle volte anche i più apparentemente smaliziati, lasciati a salire su un pullman da soli o a sistemarsi in una camera d’albergo, si perdono come davanti all’ignoto.

Nata dunque come una opportunità di approfondimento e di crescita personale, la gita però si sta trasformando in un incubo, soprattutto per i docenti accompagnatori. Perché gli alunni che vengono in gita, specie quelli delle superiori, sono incontrollabili. Poco abituati in famiglia ad avere regole certe, faticano a capire che se ci si muove in gruppo queste sono necessarie e vanno rispettate, per quanto possano sembrare alle volte assurde. Inoltre la “gita”, proprio per il fatto che si è fuori dal consueto ambiente scolastico standard, di per sé è spiazzante, anche per i docenti. Che devono tenere sotto controllo troppe cose e troppe persone in uno scenario che essi stessi conoscono poco, per cui è facile che possa sfuggire qualcosa, o che la sorveglianza diventi più lasca.

Più passano gli anni, più il numero di docenti che decide di non dare la disponibilità ad accompagnare le classi in gita sale. Faccio parte anche io della categoria, e per molti e fondati motivi. Il primo è quello di essermi resa conto di non poter garantire ai miei alunni ciò che mi viene richiesto dalla legge. Quando si è in gita, il docente accompagnatore è tenuto alla sorveglianza, sempre e comunque. Si è uno ogni 15 alunni, ma gli alunni sono esseri umani e vivono 24 ore al giorno, come tutti. Il che vuol dire, in soldoni, che io docente, dovrei garantire 24 o 48 ore di sorveglianza continua e ininterrotta sui 15 fanciulli che mi sono affidati. Qualsiasi cosa capiti loro, se inciampano sul marciapiede, attraversano senza guardare all’improvviso la strada,  se fanno a botte, se si tirano gavettoni e organizzano scherzi stupidi ma letali, tutto ciò cade sotto la mia diretta responsabilità, e posso essere perseguita penalmente e civilmente per i danni che possono subire.

Ora io confesso, molto sinceramente: non sono in grado di farlo. Sono un essere umano anche io:  durante il giorno ho fame, sonno e anche qualche momento in cui l’attenzione cade. Non me la sento di prendermi questa responsabilità, specie se poi i ragazzi che mi sono affidati sono alunni che già in classe sono difficili da tenere sotto controllo. Qualunque genitore penso si sia reso conto da solo che spesso persino i figli che ha allevato lui hanno, quando sono fuori e con lui, dei tiri inaspettati: ecco, io dovrei portare in giro per il mondo ragazzi che non ho nemmeno allevato io e che spesso e volentieri non sono neppure molto lesti ad obbedire agli ordini che devo dare per garantire la loro sicurezza. E non ho nessuna intenzione, un domani, di ritrovarmi a processo perché Pierino della 3B alle due di notte, dopo che lo avevo mandato in camera sua, si è arrampicato sul cornicione ed è caduto di sotto, o perché ha organizzato uno “scherzo” nei bagni ai danni del compagno e lo ha picchiato mentre io, in perfetta buona fede, perlustravo il corridoio del piano di sopra.

L’ipotesi quindi ventilata oggi, di rendere per il personale docente obbligatorio l‘accompagnare i ragazzi in gita, non è una soluzione. E il problema non è neppure quello di “pagarci di più”. Una diaria maggiorata (o meglio, una diaria qualsiasi, visto che oggi non ne percepiamo in pratica nessuna) non basta a limitare l’ansia che l’idea della gita suscita in molti docenti, per i possibili rivolti legali. Che non sono neppure solo quelli penali, ma anche lo stress e le polemiche che poi tocca affrontare per provvedimenti e sanzioni presi e comminati ai ragazzi nel corso della gita o subito dopo, a seguito di loro comportamenti poco consoni.

Non siamo cattivi, noi docenti che ci rifiutiamo, e neppure poco motivati. E’ che semplicemente ci rendiamo conto che non siamo in grado di dare ai nostri alunni un servizio di qualità in quei giorni in cui li portiamo in giro, perché la normativa pretende da noi ciò che non si può pretendere da un essere umano. Più che parlare di imporre obblighi o di elargire mance, bisognerebbe riflettere su questo.

Tutti. Seriamente.

Rubrica: “Non volevo fare la prof” de L’Espresso.it – 7 aprile 2015.

No announcement available or all announcement expired.