Giorgio Albertazzi. Vitalità ed impegno, un cocktail magico

di Noemi Lusi.

Le varie forme di arte sono captate dagli individui che le fanno proprie, modificandone le manifestazioni secondo le caratteristiche personali e socio-culturali e rendendole poi, così captate ed intaccate, ad un pubblico che si spera sappia decodificarle. E’ altrettanto vero, però, che talvolta sembra che sia l’arte che si affianca, si adagia e penetra in soggetti di cui si percepisce la costruttiva permeabilità.

Meno frequentemente è possibile identificare un soggetto che sia capace di appropriarsi dei caratteri di un genere, gestirlo e restituirlo alla platea mostrando una flessibilità raffinata e tale da poter far propri generi paralleli, in quanto comunque il luogo è il palcoscenico, i sentimenti sono potente energia, la parola è vita, ma nettamente distinti perché afferenti a diversa sensibilità, differente stile e dissimile target.

In Italia numerosi sono gli attori poliedrici che hanno percorso i molteplici rivoli dell’espressività teatrale. Certamente Giorgio Albertazzi si inserisce in posizione preminente perché ha sfogliato l’album della sua professionalità porgendoci tutta la sua versatile vena artistica.

E’ stato, infatti, protagonista del teatro classico con sicura abilità, gradevole aspetto,  voce fascinosa, impegno granitico. Ha scelto ed è rimasto al teatro Ghione di Roma con una notevole rappresentazione  del ‘Mercante di Venezia’ in cui aggiunge al pregevole testo un tono di equilibrio e di consapevolezza inusitati.

Guardando indietro scopriamo, inoltre, che vivono in lui lo slancio ironico, un lieve tratto comico, estro e brillantezza che delineano nell’insieme una genialità singolare.

E’ da sempre un eccezionale rappresentante dell’abilità del cogliere il valore dell’autore che sceglie di volta in volta, cui aggiunge la sua elegante sfida che consiste nell’arricchire il testo con la sua sensibilità, ripresentandolo al pubblico in forma eccellente da ogni punto di vista.

No announcement available or all announcement expired.