AMBIENTE. Pedalando in bicicletta al lavoro me ne vo’

di Paolo Rausa.

La Città metropolitana di Milano vince la competizione fra aziende per il numero più alto di dipendenti che usano la bici per recarsi al lavoro.

Bike Challenge Milano ha lanciato il guanto della sfida fra le aziende, per spingerle a convincere e a incentivare i loro dipendenti alla mobilità dolce, ad usare la bici per recarsi al lavoro. Al primo posto tra le aziende con oltre 500 dipendenti si è piazzata la Città metropolitana di Milano, riconosciuta vincente per l’impegno profuso e l’alto numero dei partecipanti coinvolti. Il progetto di iniziativa europea Bike2Work si propone di convincere lavoratori e aziende della necessità a cambiare abitudini nello spostamento per raggiungere le sedi di lavoro. In particolare quest’anno, caratterizzato da perdurante inquinamento dell’aria oltre le soglie ammissibili, il mezzo delle due risulta fra i più efficaci, veloci e puliti. Arianna Censi è la consigliera delegata a Mobilità e Viabilità della Città metropolitana di Milano. Ha lavorato molto a questo progetto ed ora è soddisfatta perché sia stato riconosciuto lo sforzo del Cral e dei dipendenti, ritenendo oltretutto una mossa intelligente essere riusciti a ‘invogliare i cittadini a spostarsi con mezzi eco-sostenibili come la bicicletta,  il cui utilizzo permette di ridurre il traffico e non ha un impatto negativo sulla qualità dell’aria’. Promosso da FIAB (Federazione Italiana Amici della Bicicletta onlus) e sostenuto dalla piattaforma informatica Love to Ride, che ha raccolto i dati della percorrenza chilometrica dei dipendenti, il progetto ha coinvolto nell’area milanese 92 società. La premiazione avverrà il 16 febbraio 2016 alle ore 17,30 a Palazzo Marino, Sala Alessi del Comune, a cura della Bike Challenge 2015 Milano.