Alfredo Reichlin contro Renzi e sinistra Pd. “Il premier? Un ignorante”

Da Matteo Renzi alla sinistra Pd, Alfredo Reichlin ne ha per tutti. Parlando alla riunione della minoranza Dem, Reichlin ha definito il premier “un ignorante” e ha quindi criticato la sinistra Pd, spiegando che “non bastano “le proteste e i voti contrari a leggi sbagliate”.

Nel suo intervento all’iniziativa che riunisce due delle ‘anime’ della sinistra Pd, Area Riformista e Sinistra Dem, Reichlin ha messo subito in chiaro che “la questione decisiva è quella delle alleanze con il tessuto pulsante del paese che sta nella parte sana delle imprese italiane: le forze produttive di cui, invece, in questo partito non si discute più, perchè nel Pd si discute di Civati”, ha detto.

“Il nodo politico è pensare alle forze reali, non a quelle che stanno a Montecitorio. Il nostro problema è quali sono queste forze: non sono Matteo Renzi, anche se occupa la scena, ma dietro di lui cosa c’è?. Vedo un vuoto politico”, ha attaccato ancora Reichlin, che mette in guardia: “stiamo attenti a non diventare una setta come tante altre”.

Per Reichlin, nel Pd, dietro a Renzi c’è “un vuoto politico, non c’è una cultura politica, non c’è un disegno del futuro, mentre invece occorre pensare cose nuove per l’Italia, oltre alle proteste e ai voti contrari e alle leggi sbagliate dobbiamo mettere in campo qualcosa di più. Mettere in campo – ha insistito Reichlin – un pensiero politico che non può essere un documento programmatico, bisogna rimettere in discussione il blocco sociale e politico che ci governa, ma che non è Renzi. Insomma, ha chiesto Reichlin , “il Pd serve ancora?. L’Italia ha bisogno di una forza larga di popolo e di centrosinistra, mentre dove va Renzi con una forza indistinta? È un ignorante, non può asfaltare i valori del centrosinistra e se lo fa è uno stupido, perché ottiene solo che la gente non va più a votare”.

Da  L’Huffington Post – 27.06.2015