Category Archives: POESIE

Cu sputa in faccia

Titolo: Cu sputa in faccia Serie: Ottave. Civili, d’amore, di sdegno. Autore: Giuseppe Tramontana Genere: Poesia Da cosa nasce cosa e il tempo la governa.   Cu sputa in cielu in faccia ci veni Giusti è pp’ e nichi essiri toschi Cu campa d’amanti patisci peni Cu va ppi munti canusci  voschi Cu cerca trova, cu fa beni ha beni si tocchi ardìculi lu sai c’abbruschi cu trama inganni mali ci veni nun si mangia mèli senza muschi.   Trad. […]

Read more

PETRA

Titolo: PETRA Serie: Ottave. Civili, d’amore, di sdegno. Autore: Giuseppe Tramontana Genere: POESIA Passa il tempo, ma di certi orrori non bisogna dimenticarsi. Nonostante alcuni sedicenti direttori di giornale… Petra, chi fabbricasti st’àuti mura Unni lu mali chiusu ci  tinisti Comu (secunnu to’ vera natura) a l’odiu di gelu nun divinisti? Sempri di duluri resti dimura ppi l’orrori c’ammucciari putisti E lu fumu scuru c’acchianò ognura Foru carni e destini ca ‘nciniristi. Trad. Pietra che costruisti queste alte mura Dove […]

Read more

POESIE. Sempre lucidi, nell’onestà di Giuseppe Tramontana.

TRADIMENTU Cu vui fu chiù di mari lu miu cori Chi du’ anni vi tinni e tanti simani mentri vui. Ganazzi vili traditori,  tinistivu pinzeri caini e marrani Comu quagghiò lu feli in palori E in atti vili, infami e viddani Di giustu sdegnu chinu, vi jttai fori: “Via, siati pasto d’auceddi e cani!” Trad. Con voi fu più che mare il mio cuore, che due anni vi custodì e tante settimane, mentre voi come Gani (di Magonza) traditori teneste […]

Read more

CULTURA >> POESIE. Io se fossi Dio (A.A. V.V.)

Introduzione di Giuseppe Tramontana. A chi non è venuta voglia di vestire i panni di Dio, almeno per una volta nella vita? Di fronte a un’ingiustizia, a un caso disperato, a un problema apparentemente irrisolvibile, alla palla che – tiri e ritiri – non vuol saperne di entrare in rete… Ecco, da qui siamo partiti. E così, mentre il nuovo anno ha appena levato le ancore, abbiamo chiesto ad un gruppo di ragazzi cosa farebbero se fossero loro Dio. Le […]

Read more

I miei ragazzi

Premessa di Giovanni Puglisi. Parole e musica. Proteste e proposte. Manifestazioni e occupazioni. Futuro incerto e diritto allo studio. Frasi che rimbombano da tempo e che riassumono questa generazione di studenti, oggi sempre più esasperata e inascoltata. Liquidata sbrigativamente come facinorosa e priva d’identità. Lontana da ideologie e strutturalmente disorganizzata. E loro, di fronte alla violenza rispondono con la cultura. In questo carosello tra rabbia e illusioni leopardiane, tra giovani precari (arrampicati sui monumenti) ci sono anche loro, i ragazzi del […]

Read more
1 5 6 7