Category Archives: L’ANNACATA

Dai banchieri al lecca lecca alla Boschi. Tra idolatria e pornografia del sacro

di Giuseppe Tramontana. Banchieri. Scriveva Honoré de Balzac che uno sguardo che bisogna chiamare “del banchiere” è quello tipico “degli avvoltoi e degli avvocati: è avido e indifferente, chiaro e scuro, brillante e cupo.” Nulla diceva, invece, lo scrittore francese, dello sguardo delle figlie dei banchieri. Tradimenti. Quello che non riuscì agli imboscati riuscì ai Boschi. Disprezzo. Ce li dobbiamo tenere, pare. Come una condanna, come un destino. Ma non c’è destino che non si vinca con il disprezzo. Lecca […]

Read more

L’ANNACATA. Pippa parti’, la speranza nel cuore

di Giuseppe Tramontana. Dedicato alla mia collega Elisa, donna sensibile e intelligente che ha fatto di Itaca di Kavafis la metafora del nostro impervio e fascinoso impegno di insegnanti testardamente speranzosi. Nonostante tutto. “Non c’è bene di cui si possa godere                                                                               davvero se non si ha qualcuno con cui dividerlo.”                                                         […]

Read more

L’ANNACATA. La grande fuga dalla grande risorsa

di Giuseppe Tramontana. “Antigone morì per ciò in cui credeva. Ulisse ha viaggiato una vita prima di tornare a casa perché imbevuto di curiositas. Medea ha scelto di sacrificarsi pur di lasciare un indelebile segno in chi l’aveva tradita. Eccoli gli eroi dell’antichità, trascinati da un pathos che li spingeva a perseguire i propri sogni, a qualunque costo. Per aspera ad astra. I miei maestri di vita sono stati loro. Leggendo le loro storie ho imparato a viaggiare, a inseguire […]

Read more

RUBRICA L’ANNACATA. Vocabolario greco

di Giuseppe Tramontana. Accordo: Giungono, da Bruxelles, notizie di accordo UE-Grecia. Un’ottantina di miliardi in cambio di riforme devastanti, non ultima la privatizzazione di tutto il privatizzabile. E, probabilmente, la testa di Tsipras. Il quale avrebbe dovuto saperlo: chi pecora si fa, il lupo se lo mangia!   Austerity –  I tedeschi pensano di far progredire l’Unione europea regalandole portamonete di pelle greca. Curiosità – Quanto darei per sapere questo: dopo averla cacciato dalla zona euro, cosa se ne farà […]

Read more

APPROVATA LA “BUONA SCUOLA”. Tutto tutto, niente niente

di Giuseppe Tramontana. Vuoto – Dunque, la cosiddetta “Buona scuola” è stata approvata. E questo proprio all’indomani delle bella figura da nulla eterno fatta a Bruxelles. Come direbbe Vaclav Havel, buonanima, siamo di fronte alla standardizzazione del vuoto. Pieno – La riforma della scuola è stata approvata con i voti di quattro verdiniani, oltre che di piddini e NCD. Una bella accozzaglia che ha raggiunto quota 277 voti. 277 voti, 277 onorevoli componenti un Parlamento dichiarato illegittimo dalla Corte Costituzionale […]

Read more

BUONA SCUOLA? Voglio essere meritevole

di Giuseppe Tramontana.        Ciò che la Buona scuola vuole fare è mettere un sigillo alla banalizzazione della cultura, dell’educazione, della vita. Proprio in un momento storico in cui servirebbe – per contrastare l’idiozia montante – una massiccia dose di sapere critico e di lungimiranza civica ci vengono proposte superficialità e inanità. Nella storia degli ultimi cent’anni e passa, vi sono state due cose su cui i  partiti di sinistra si sono travati d’accordo: il sistema proporzionale e […]

Read more

Colori

di Giuseppe Tramontana. Anni fa un etologo, H. Munro Fox (La personalità degli animali), scriveva che alcune farfalle, anziché i colori  rosso, giallo, verde, azzurro e violetto  distinguono solo il giallo e l’azzurro. Viceversa ci sono api e farfalle che riescono a vedere i colori ultravioletti, a noi preclusi. Ecco: il primo caso è assimilabile ai razzisti. Per loro non esistono sfumature: tutto è o bianco o non-bianco. Il secondo caso è quello delle loro vittime: riescono a vedere un […]

Read more

QUELLI CHE ERANO CHARLIE (e che adesso dicono di non esserlo mai stati)

di Giuseppe Tramontana. C’era una volta un albergatore, di nome Adamo – racconta Theodor W. Adorno in Dialettica negativa. Questo Adamo, un giorno, preso dall’ira contro i topi che entravano nel suo  albergo, munito di bastone, cominciò ad ucciderne quanto più poteva man mano che i roditori uscivano dai fori del cortile. Ad assistere alla scena, il figlio, il quale, nel vedere il padre al lavoro, provava una grande ripugnanza, tanto da fargli voltare il capo dall’altra parte. Ma quella […]

Read more

Salvatore Carnevale. A 60 anni dalla sua uccisione il lamento è ancora forte

di Giuseppe Tramontana. Ormai se lo ricorda quasi più nessuno. Ma 60 anni fa, il 16 maggio 1955, veniva ucciso Salvatore Carnevale, bracciante socialista, diventato sindacalista per necessità. Venne ucciso a 31 anni la mattina, mentre l’alba in cielo riluceva, da sicari mafiosi. Questo disse Sandro Pertini, futuro Presidente della Repubblica, ex partigiano e uomo di punta del PSI, ai suoi funerali: “Non dobbiamo trarre ragioni di vendetta dalla morte di Salvatore Carnevale, la storia penserà a vendicarla. Dalla sua […]

Read more

8 marzo. Donne e libertà: una lotta senza tempo

di Giuseppe Tramontana. Guardate queste due foto. Impressionanti. Sono foto di donne. Donne combattenti. Che si rilassano, sorridono, chiacchierano. Insomma, fanno una cosa talmente femminile che una grande pensatrice come Hannah Arendt ci ha elaborato sopra una teoria filosofica: la teoria della narrazione appunto. Detto in paesano, fanno comunella, comarò, se la contano insomma… Solo che, in entrambi i casi, imbracciano un’arma. E il comarò lo stanno tenendo tra un combattimento e un altro, tra un colpo di granata e […]

Read more
1 2 3 6